biografia Iorio - Filarmonica_Trento

Vai ai contenuti
Giulio Maria Mennitti, violino I

Giulio Maria Mennitti nasce a Chieti nel 2001. Si approccia già all'età di sei anni alla musica iniziando a studiare pianoforte sotto la guida del Maestro Filomena Montopoli con la quale frequenterà per due anni il conservatorio, per poi proseguire gli studi sino ai tredici anni sotto la guida del M° Giuliano Mazzoccante, con il quale vincerà numerosi concorsi.All'età di otto anni inizia a studiare violino sotto la guida del Maestro Andrea Castagna che lo porterà  all'ammissione in conservatorio presso l'Istituto Musicale pareggiato "G. Braga" di Teramo, già all'età di nove anni. All'età di undici anni si trasferisce a Trento dove proseguirà gli studi presso il Conservatorio "F. A. Bonporti" prima sotto la guida del Maestro Cristina Giovannini, che lo porterà a laurearsi a pieni voti con particolare elogio della commissione per l'esecuzione della sonata op.78 di Brahms a soli 18 anni. Contemporaneamente agli studi accademici ha modo di frequentare numerose Masterclass e corsi di perfezionamento con grandi nomi della musica come: Alessandro Milani, Pavel Berman, Oleksandr Semchuk, Vincenzo Bolognese, Franco Mezzena, Cristiano Rossi e molti altri.Ha avuto modo di lavorare in orchestra con grandi Maestri come: Luigi Piovano, Jan Latham Koenig, Juraj Valchuha, Gergely Kesselyak, Carlo Maria Parazzoli, Wolfgang Shröeder, Vincenzo Bolognese, Iuliu Hamza e molti altri. Vince sin da giovanissimo numerosi concorsi e, nel 2017, gli viene conferita la prestigiosa medaglia aurata al merito artistico della Norman Academy di Roma. Suona spesso da maestro concertatore e da primo violino di spalla ed ha affiancato grandi Maestri come, ad esempio, il grande violinista Stefan Milenkhovic . Attualmente frequenta il corso di specializzazione di musica d'insieme per archi presso il conservatorio "L. Cherubini" di Firenze sotto la guida del Maestro Alina Company, sua insegnante dal 2017. Nel 2019, sotto guida del Maestro Alina Company, fonda il quartetto Astro, con il quale ha svolto numerosi concerti in alcune delle più prestigiose sale d'Italia venendo anche coinvolti in un servizio RAI in occasione della riapertura post-covid del Conservatorio Luigi Cherubini. Suona un violino Romeo Antoniazzi del 1906 gentilmente prestato dalla fondazione "Cheli" di Milano.


Torna ai contenuti