Il Teatro Sociale e la musica - Filarmonica_Trento

Vai ai contenuti
Le grandi arie:
per piangere, sorridere, infuriarsi
filetto
Martedì 19 marzo
ore 9.00
filetto
Annely Zeni: Il Teatro Sociale e: la musica
Teatro Sociale
Le grandi arie: per piangere, sorridere, infuriarsi
  
Kang Seyoung, soprano, Lee Danbi, mezzosoprano
Park Kwanhee, tenore, Francesco Manessi, pianoforte
Annely Zeni: Il Teatro Sociale e: la musica

  
G. Verdi (1813-1901): Da “Il Trovatore”: Stride la vampa
G. Rossini (1792-1868): Da “L’Italiana in Algeri”: Cruda Sorte
 G. Puccini (1858-1924): Da “Gianni Schicchi”: O mio babbino caro
L. Delibes (1836-1891):Flower duet da “Lakmè”: Viens, Malika… Dôme épais le jasmin
 G. Verdi:  Da “La Traviata”: Lunge da lei… De’ miei bollenti spiriti - Duetto da “La Traviata”: Parigi, o cara
 G. Bizet (1838-1875): Da “Carmen”: Habanera: l’amour est un oiseau ribelle
 G. Puccini:  Da “La Bohème”: Quando me’n vo’
 G. Verdi:  Da “La Traviata”: La donna è mobile
 F. Lehár (1870-1948): Duetto da “Die lustige Witwe”: Lippen Schweigen
 G. Donizetti (1797-1848): Da “Don Pasquale”: Quel guardo il cavaliere… So anch’io la virtù magica
 G. Rossini: Da “Il Barbiere di Siviglia”: Una voce poco fa
 G. Puccini: Da “Turandot”: Nessun dorma
G. Verdi: Duetto da “La Traviata”: Libiamo ne’ lieti calici
 G. Rossini: Da “Il Barbiere di Siviglia”: Una voce poco fa
 
 Tre grandi voci – soprano, mezzosoprano, tenore – chiamate a riassumere la lunga storia del teatro Sociale di Trento cominciata il 29 maggio 1819 con Rossini e ora, dopo il prezioso restauro dell’edificio, tornate a risuonare in via Felice Mazzurana, strada dedicata all’ideatore dell’impresa. Con al posto dell’orchestra un pianoforte capace di riassumere ogni sfumatura timbrica ed espressiva prenderanno lentamente forma i protagonisti delle grandi storie musicate da Rossini, Donizetti, Verdi e Puccini, affiancati a qualche nome straniero arrivato anche a Trento dopo il 1870 (Bizet, Delibes, Lehar). Fra tanti suoni torneranno così a risuonare quelle note ascoltate dal vivo dallo stesso Giacomo Puccini a Trento nel 1893, dirette da Arturo Toscanini nel 1895 e 1896, cantate da Enrico Caruso nel 1898.
Torna ai contenuti