Corde risuonanti - Filarmonica_Trento

Vai ai contenuti
Corde risuonanti
Francesca Temporin, violino
Walter Salin, chitarra
filetto
Martedì 16 aprile
ore 9.00
filetto
Ensemble Strumentale del Conservatorio Bonporti
Corde risuonanti
 Francesca Temporin, violino
Walter Salin, chitarra
  
R. R. Klein (1921-2011): Partita in re
 E. G. Baron (1696-1760): Sonata al liuto e violino in sol
   F. Molino (1768 -1847): Notturno op. 38 per violino e chitarra
N. Paganini (1782-1840): Sonata I dal Centone di sonate MS 112 A
W. Salin (*1958): “Divina Lectio” Sonata per chitarra
N. Paganini (1782-1840): Sonata VI dal Centone di sonate MS 112 A

Francesca Temporin è nata a Rovereto nel 1997. Si è diplomata a 18 anni al Conservatorio di Cesena con il massimo dei voti, lode e menzione sotto la guida di Gabriele Raspanti. Frequenta il Vorarlberger Landeskonservatorium di Feldkirch (Austria) nella classe di violino del M° Rudens Turku. Ha partecipato a concorsi come solista e in formazioni cameristiche vincendo 27 primi premi (di cui 11 assoluti) e borse di studio. Nel 2010 ha vinto il primo premio alla prestigiosa Rassegna nazionale d'archi di Vittorio Veneto. Ha all’attivo oltre 230 concerti in Italia e all’estero (Austria, Svizzera, Germania, Slovenia, Serbia) sia come solista che in formazioni cameristiche. Suona un violino “Severino Riva 1914” della “Fondazione Antonio Carlo Monzino” di Milano.
 
 
Walter Salin dopo gli studi classici e di giurisprudenza si diploma in chitarra ottenendo il massimo dei voti al Conservatorio di Bolzano con Elena Padovani. Svolge attività concertistica in Europa come solista, accompagnato dall’orchestra e in formazioni da camera. Nel 1996 suona in tour con il M° Alirio Diaz che lo definisce “uno splendido partner che ama la chitarra tanto quanto me ”. Ha collaborato con Arnoldo Foà, Gino Bramieri, Alessandro Quasimodo, Riccardo Cucciola accompagnandoli in varie pieces teatrali. Incide per l’etichetta La Guitarre di Ginevra. Nel 2014-15-16 è stato premiato al Concorso internazionale di Andria per alcune sue composizioni.
 
Torna ai contenuti