Sentieri selvaggi, biografia - Filarmonica_Trento

Vai ai contenuti

Sentieri selvaggi nasce vent’anni fa, nel 1997, da un’idea di Carlo Boccadoro, Filippo Del Corno e Angelo Miotto con lo scopo di avvicinare la musica contemporanea al grande pubblico. L’attività del gruppo si articola nell’organizzazione di una stagione musicale a cadenza annuale, in un’intensa attività concertistica e nella realizzazione di progetti speciali. Nel 2009 Sentieri selvaggi segue lo storico partner Teatridithalia nella nuova sede del Teatro Elfo Puccini di Milano, portando così la propria stagione musicale in uno dei luoghi più rappresentativi della creatività contemporanea della città. Sentieri selvaggi è ospite di prestigiose stagioni musicali italiane (Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro alla Scala, Biennale di Venezia, Società del Quartetto di Milano), di qualificati eventi culturali (Festival della Letteratura di Mantova, Notte Bianca di Roma, Festival della Scienza di Genova, MITO) e festival internazionali (Bang On A Can Marathon di New York, SKIF Festival di San Pietroburgo, Sacrum Profanum di Cracovia). Il gruppo intrattiene collaborazioni con i più importanti compositori internazionali da Nyman, Glass, Lang, Andriessen a MacMillan, Wolfe, Vacchi e promuove una nuova generazione di compositori italiani quali Antonioni, Colasanti, Mancuso, Montalbetti… Importanti sono le produzioni di teatro musicale con allestimenti quali L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello di Michael Nyman, The Sound of a Voice di Philip Glass… che coinvolgono un pubblico ancora più vasto. La direzione artistica e musicale dell’ensemble è affidata a Carlo Boccadoro, uno dei più dinamici compositori italiani del nostro tempo. La soprano Cristina Zavalloni, ormai star internazionale, fa la spola tra la musica di ricerca extracolta, l’avanguardia storica e contemporanea e progetti che più si avvicinano ai modi del jazz, tant’è che la si può trovare sui palcoscenici di teatri come la Scala di Milano oltre che nei principali festival jazz del mondo e in una sala per la musica da camera come quella di Trento.

.
Torna ai contenuti