Note al programma Quartetto Noûs & Roberto Plano del 17 febbraio 2023

17 Febbraio 2023 | News

Quartetto Noûs

Tiziano Baviera violino
Alberto Franchin violino
Sara Dambruoso viola
Tommaso Tesini violoncello

con

Roberto Plano pianoforte

R. Panfili (*1979)
Quartetto per archi n. 2 *prima assoluta, commissione della Società Filarmonica

J. Brahms (1833 – 1897)
Quartetto per archi n. 1 in do min. op. 51
Allegro
Romanza. Poco Adagio
Allegro molto moderato e comodo. Trio: Un poco più animato
Allegro

D. Shostakovich (1906 – 1975)
Quintetto per archi e pianoforte in sol min. op. 57
Preludio. Lento – Poco più mosso – Lento
Fuga. Adagio
Scherzo. Allegretto
Intermezzo. Lento
Finale. Allegretto

Note al programma

“Due movimenti per tentare di mettere ordine nell’abisso di interrogativi scavato da un essere umano quando decide di darsi libera morte. Il primo movimento è un’Elegia: cantata a cavalcioni sul bordo dell’evento, quando l’eco è bruciante e secca è la gola. Il secondo movimento è una cavalcata rabbiosa, radure falciate a rotta di collo, un assalto al cielo: un ‘no’ scagliato oltre le barricate.” [R. Panfili]

Nessuna delle opere di grande respiro di Brahms è più organicamente unitaria del Quartetto n. 1, in cui non solo ogni idea nasce con logica infallibile dall’ultima, ma il soggetto di ogni movimento sgorga chiaramente dallo stesso germe. La tesa linea iniziale del primo movimento, con l’accompagnamento pulsante di viola e violoncello, è seguita immediatamente da un’idea più lirica. Il segnale di corno che apre il movimento lento si intreccia con l’accompagnamento del tema principale, caldamente espressivo. Il tema passa dal violino al violoncello per lasciare posto a un momento più accorato. Se le frasi “ansimanti” che aprono il terzo movimento offrono un lontano ricordo del finale dell’op. 95 di Beethoven (sempre in fa min.), il suo secondo tema, un morbido duetto per viola e violino, è quanto di più brahmsiano si possa immaginare. Il trio accompagna il suo tema con un curioso suono “gracchiante” del secondo violino. Un effetto, il bariolage, prodotto dalla rapida alternanza della stessa nota tra corde adiacenti. L’intensità che aveva caratterizzato l’Allegro iniziale ritorna nel movimento finale. La scrittura per archi di Brahms mostra la caratteristica ricchezza di tessitura che rende i suoi brani così gratificanti, nell’interpretazione e nell’ascolto.

Il pianoforte inizia il Quintetto di Shostakovich con un assolo composto da una cellula di tre note che ritroviamo in tutto il brano: le prime tre note della tonalità. Anche il colore delle entrate degli archi è degno di nota con il violoncello che spicca sugli altri strumenti. Una chiusura decisa conduce al Poco più mosso che inizia come un duo per pianoforte e viola. Il secondo movimento è una fuga a quattro voci che si apre con un’esposizione rigorosa da parte degli archi in sordina e prosegue con l’ingresso del pianoforte, che dapprima riduce la tessitura a due linee, per poi tornare a quattro. Nel vorticoso Scherzo per la prima volta tutti suonano insieme in un passaggio esteso e la sezione centrale inizia come una danse macabre del primo violino, ripresa dal pianoforte in ottave alte. Dopo un intermezzo fresco e rilassato il pianoforte attacca con un delicato tema finché il Quintetto si conclude compiaciuto e dolce.

Alessandro Arnoldo

Altre news

News
Note al programma Frank Peter Zimmermann & Dmytro Choni 18 gennaio 2024
Note al programma Frank Peter Zimmermann & Dmytro Choni 18 gennaio 2024

Note al programma Frank Peter Zimmermann & Dmytro Choni 18 gennaio 2024

Frank Peter Zimmermann violino Dmytro Choni pianoforte  L.van Beethoven (1770 - 1827) Sonata n. 4 in la min. op. 23 Presto | Andante scherzoso, più Allegretto | Allegro molto J. Brahms (1833 - 1897) Sonata n. 1 in Sol magg. op. 78 Vivace ma non troppo | Adagio |...

LEGGI TUTTO

News
Note al programma Trio Kelemen, Altstaedt, Lonquich 15 dicembre 2023
Note al programma Trio Kelemen, Altstaedt, Lonquich 15 dicembre 2023

Note al programma Trio Kelemen, Altstaedt, Lonquich 15 dicembre 2023

Barnabás Kelemen violino  Nicolas Altstaedt violoncello  Alexander Lonquich pianoforte  J. Brahms (1833 - 1897) Trio n. 2 in Do magg. op. 87 Allegro | Thema mit variationen - Andante con moto | Scherzo. Presto e Trio: Poco meno presto | Finale. Allegro giocoso ...

LEGGI TUTTO

News
Note al programma Lucienne Renaudin – Vary & Félicien Brut 14 novembre 2023
Note al programma Lucienne Renaudin – Vary & Félicien Brut 14 novembre 2023

Note al programma Lucienne Renaudin – Vary & Félicien Brut 14 novembre 2023

Lucienne Renaudin - Vary tromba Félicien Brut accordéon The Perfect Match G. Bizet (1838 - 1875) arr. C. Lehn Fantaisie sur Carmen L. Bernstein (1918 - 1990) arr. T. Perrine Selezione da West Side Story A. Piazzolla (1921 - 1992) arr. J. Ducros e D. Emorine...

LEGGI TUTTO