Programma sala Wayne Marshall 23.09.21

22 Settembre 2021 | News

Programma

Ager
(1962)  Toccata & Fugue, op. 30 n. 1

G. Baker (1944)  Deux Evocations

R. Ducasse  (1873-1954)  Pastorale in Fa magg.

 H. Willan  (1880-1968)  Introduction, Passacaglia & Fugue, B.149

G. Verdi (1813-1901)   Ouverture da “Un Ballo in Maschera” (arr. W. Marshall)

G. Verdi (1813-1901)  “Spuntato Ecco il dì” da “Don Carlo” (arr. W. Marshall)

W. Marshall (1961)  Improvise

 

L’inglese Wayne Marshall proviene da una lunga tradizione organistica che discende da Frescobaldi, Froberger, Buxtehude, Bach e Messiaen: una tradizione di virtuosismo, invenzione e improvvisazione. Il programma di questa sera è composto da opere non molto conosciute del repertorio del XX secolo, ognuna delle quali ha rinnovato a suo modo le forme canoniche della musica per organo. Basti pensare alla Toccata e fuga del canadese Andrew Ager, che riprende un genere organistico tradizionale e lo adatta ai tempi moderni: a partire da un Preludio basato su ritmi composti e sul continuo spostamento di accenti per arrivare alla Fuga, che si apre in Do maggiore e gradualmente si allontana dalle regole convenzionali (della fuga e della tonalità), terminando con un finale a dir poco infuocato. E così il texano George Baker (non solo organista e compositore di talento, ma anche rinomato dermatologo) nelle sue Deux Évocations, rileggendo in chiave moderna temi di origine gregoriana, rende omaggio a due pietre miliari della cultura organistica francese: Louis Vierne e Pierre Cochereau, entrambi organisti titolari della Cattedrale di Notre-Dame a Parigi. La Première évocation, dal carattere meditativo, fa uso di inni che sono associati alla Vergine Maria, già nel suo incipit, ad esempio, con un tema affidato alla pedaliera e accompagnato da dolci armonie. La seconda si apre su accordi agitati e pulsanti, con una citazione alla sequenza pasquale Victimae paschali laudesX e si sviluppa in una toccata entusiasmante, crescendo di volume fino all’imponente accordo finale. Vierne e Cochereau, si fecero un nome non solo come organisti e compositori, ma anche come brillanti improvvisatori. Per secoli, infatti, gli organisti sono stati ammirati per la loro conoscenza dei segreti dell’arte dell’improvvisazione. Come i suoi grandi predecessori che hanno plasmato il repertorio organistico, il nostro ospite è un improvvisatore esperto, un trascrittore appassionato e questo programma si conclude con la sua rilettura di due pagine operistiche di Giuseppe Verdi.

Altre news

News
Musica con vista 2022 – Due concerti imperdibili a Castel Belasi e Castel Pergine
Musica con vista 2022 – Due concerti imperdibili a Castel Belasi e Castel Pergine

Musica con vista 2022 – Due concerti imperdibili a Castel Belasi e Castel Pergine

Musica con Vista 2022. Anche quest’estate la Società Filarmonica di Trento organizza due concerti nell’ambito del Festival Musica con Vista 2022 del Comitato AMUR con Le Dimore del Quartetto e Associazione Dimore Storiche, che vedranno esibirsi il Barbican Quartet...

LEGGI TUTTO